Itinerari

ISOLA D’ELBA, LA PERLA DI VENERE

Data di partenza

31 maggio e 20 settembre

Durata

3 giorni 2 notti

Alloggio

Hotel 3*

Partenza da

Milano/Molino Dorino, Sesto San Giovanni, Trezzo S/Adda, Bergamo, Valle Seriana, Rovato, Brescia, Cremona.

Magnifica oasi verde dell'Arcipelago Toscano, l'Isola d'Elba è un concentrato di bellezze paesaggistiche, fatte di acque turchesi e cristalline sulle quali si affacciano alture verdeggianti punteggiate di località che sprigionano fascino.

Una zona dalla natura talmente ricca e variegata non può che essere tutelata da un grande Parco Nazionale, quello dell'Arcipelago Toscano, che ne ha preservato i magici scenari, rendendola una delle mete più rinomate e apprezzate del nostro Paese, anche a livello internazionale.

Mete principali

ISOLA D'ELBA

Prezzo a persona

€ 299

Quota individuale adulti

fissa un appuntamento

IL GABBIANO PIÙ RARO DEL MONDO

La varietà di ambienti costieri rende possibile anche la frequentazione di specie che stazionano per l'intero arco dell'anno, tra cui è di assoluto valore naturalistico il gabbiano corso: la specie di gabbiano più rara al mondo, adottato come simbolo del Parco Nazionale Arcipelago Toscano.

Bellissimo e più piccolo del gabbiano reale, è facilmente riconoscibile grazie al magnifico becco rosso corallo con la punta nera e un piumaggio grigio perla. Un'altra caratteristica distintiva è il colore grigio piombo delle zampe, anziché giallo come nel Gabbiano Reale Mediterraneo.

LA LEGGENDA DEGLI ARGONAUTI

La spiaggia delle Ghiaie è una delle spiagge più belle dell’isola d’Elba. Sulla sua sabbia si trovano delle macchie scure che sarebbero le gocce di sudore degli Argonauti. Una volta recuperato il vello, gli Argonauti intrapresero il viaggio di ritorno lungo le rotte del Mar Tirreno. Fecero numerose soste durante il viaggio e una di queste fu una piccola isola che, all’epoca, era conosciuta con il nome di Aethalia.

Qui gli Argonauti trovarono un posto perfetto e sicuro per attraccare e, come si sarà intuito, dietro il nome di Aethalia si nascondeva l’isola d’Elba. Si pensa che quell’approdo perfetto fosse proprio la spiaggia delle Ghiaie.

PROGRAMMA DEL VIAGGIO

Giorno 1 - ISOLA D'ELBA

Giorno 1 - ISOLA D'ELBA

Partenza al mattino presto dalla località prescelta verso la Toscana. Arrivo a Piombino. Operazioni di imbarco e partenza per l’Isola d’Elba. Arrivo dopo un’ora a Portoferraio. Pranzo libero. Nel pomeriggio spostamento a Capoliveri per la visita con guida al grazioso paese il cui centro storico, caratterizzato dai famosi vicoli detti “chiassi”, presenta aspetti assai interessanti. La Piazza Matteotti, la Vantina e il Belvedere. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.


Condividi itinerario

Giorno 2 - ISOLA D'ELBA

Giorno 2 - ISOLA D'ELBA

Prima colazione. Incontro con la guida e partenza per Portoferraio. Visita guidata del centro storico di questa antica città cinta da inespugnabili fortificazioni. Da non perdere la residenza invernale di Napoleone, la Villa dei Mulini. Rientro in hotel per il pranzo. Nel pomeriggio visita del centro storico Porto Azzurro. Passeggiata nel centro storico della ridente cittadina dominata dalla Fortezza spagnola di San Giacomo oggi adibita a penitenziario, il cui centro è caratterizzato da uno splendido lungomare. Rientro in hotel, cena e pernottamento.


Condividi itinerario

Giorno 3 - ISOLA D'ELBA

Giorno 3 - ISOLA D'ELBA

Prima colazione. Incontro con la guida e partenza per Portoferraio. Visita guidata del centro storico di questa antica città cinta da inespugnabili fortificazioni. Da non perdere la residenza invernale di Napoleone, la Villa dei Mulini. Rientro in hotel per il pranzo. Nel pomeriggio visita del centro storico Porto Azzurro. Passeggiata nel centro storico della ridente cittadina dominata dalla Fortezza spagnola di San Giacomo oggi adibita a penitenziario, il cui centro è caratterizzato da uno splendido lungomare. Rientro in hotel, cena e pernottamento.


Condividi itinerario

informazioni utili

  • Cosa mangiare sull'Isola?

    Con il termine sburrita si intende una zuppa di pesce aromatizzata con erbe o verdure, accompagnata con dei crostoni di pane tostato agliato. All'Isola d'Elba la versione riese è quella più conosciuta ed è veramente gustosa.

    La sburrita di baccalà era il pasto che i minatori si portavano sul luogo di lavoro per la pausa pranzo.

si parte

L'Isola d'Elba è una vera perla del Mediterraneo, tutta da scoprire!

Vuoi partecipare a questa esperienza?





Accetto la Privacy Policy

resta in contatto con ilioproget

Manteniamo i vostri dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Leggi la nostra Privacy Policy.