Itinerari

VALCAMONICA

Arrivo a Niardo o Capodiponte in Valcamonica (provincia di Brescia). Ingresso al Parco Archeologico all’aperto, per scoprire con la guida i segreti delle Incisioni Rupestri lasciate sulle rocce dagli abitanti neolitici della Valle Camonica. Il parco è dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Al termine, trasferimento a Bienno e pranzo in ristorante con prodotti tipici della cucina camuna. Visita guidata al Borgo di Bienno, rimasto intatto dall’epoca medioevale e celebre per la lavorazione delle armi e degli attrezzi agricoli che uscivano dalle fucìne (se ne visiterà una) che funzionavano a carbone con magli azionati con acqua del fiume. Visita al Mulino tuttora funzionante che macina grano e mais.

Mete principali

Capo di Ponte, Bienno

Prezzo a partire da

€ 48 a persona

Quota individuale adulti (minimo 30 persone)

fissa un appuntamento

Data di partenza

a piacere

Durata

1 giorni 0 notti

Alloggio

pranzo in ristorante

Partenza da

in base all'esigenza del gruppo

LE INCISIONI RUPESTRI

La Valcamonica, ricca di bellezze naturali tipiche delle montagne, è oggi conosciuta soprattutto grazie al suo patrimonio di incisioni rupestri. Nel corso del tempo, l'uomo ha disseminato il globo di segni grafici (figurazioni dipinte, incise o modellate su qualsiasi supporto abbia avuto disponibile, come per es. la pietra, il legno, la ceramica, il metallo), per attestare e consegnare al tempo ciò che ha visto, pensato, creduto e comunicarlo in questo modo alla divinità o ad altri uomini. Le incisioni rupestri ne rappresentano la modalità preistorica conosciuta più diffusa. Le incisioni rupestri sono segni intenzionalmente incavati dall'uomo su superfici rocciose per lo più levigate dai ghiacciai. Accettando l'ipotesi che le incisioni fossero probabilmente anche integrate da coloritura, due furono le modalità tecniche impiegate: la percussione, prodotta battendo direttamente o indirettamente sulla superficie con strumenti incisori di pietra (quarzite e selce) o di metallo; il graffito, ottenuto graffiando le superfici con strumenti appuntiti di pietra o di metallo.

BIENNO, BORGO DEGLI ARTISTI

Bienno è un antico Borgo in Provincia di Brescia, nella media Valle Camonica, divenuto famoso in quanto insignito del titolo di “Uno dei Borghi più belli d'Italia”, grazie alle sue numerose bellezze, alle ombreggiate viuzze, ai pittoreschi cortili, alle chiese affrescate, alle verdi montagne ed ai rigogliosi colli che lo incorniciano. Passeggiando per i suoi vicoli, il turista può toccare con mano le testimonianze dell’antica e solida cultura del lavoro biennese, fondata sulla ferrarezza: ancora oggi, entrando nelle storiche fucine, si può assistere dal vivo alla lavorazione del ferro, i cui segreti sono stati tramandati di generazione in generazione dai Frear, divenendo patrimonio indelebile della cultura biennese. Ma Bienno non è solo “il Borgo in cui tutto si fermato”: è anche un luogo caratterizzato dalla commistione di passato e presente, dove le tracce indelebili di un’importante tradizione storica e artistica si intrecciano con le nuove forme d’arte proposte dagli Artisti aderenti al progetto “Bienno Borgo degli Artisti”. Il Paese è divenuto così un ammaliante e ricco “museo a cielo aperto”, affascinante da scoprire e impossibile da dimenticare.

programma del tour

Giorno 1 - TOUR IN GIORNATA

Arrivo nella mattinata a Niardo o Capodiponte, passando da Bergamo e Lovere. Ingresso al Parco Archeologico all’aperto, per scoprire con la guida del posto i segreti delle Incisioni Rupestri lasciate sulle rocce dagli abitanti neolitici della Valle Camonica. Il parco è dichiarato Patrimonio dell’Umanità. La guida farà scoprire ai visitatori la tecnica delle incisioni e racconterà la vita dei primi abitanti di questa terra. Al termine, trasferimento a Bienno e pranzo in ristorante con prodotti tipici della cucina camuna: antipasto, un primo, un secondo con contorno, dessert, caffè, acqua e vino.
Al termine, visita guidata al Borgo di Bienno, rimasto intatto dall’epoca mediovale e celebre per la lavorazione delle armi e degli attrezzi agricoli che uscivano dalle fucìne (se ne visiterà una) che funzionavano a carbone con magli azionati con acqua del fiume. Visita al Mulino tuttora funzionante che macina grano e mais.
Al termine, partenza per il rientro.

informazioni utili

si parte

Una gratuità ogni 25 partecipanti.
L'itinerario e la quota di partecipazione possono subire variazioni in base alle esigenze del gruppo.
fissa un appuntamento

resta in contatto con ilioproget

Iscriviti alla nostra Newsletter.